Ruba l’arte e mettila da parte. La collezione privata di Cornelius G.


Tra poco in scena la prima mise en espace a cura del Gruppo di lavoro Beni Comuni

Teatro Tenda, Campo Robinson (viale Stazione)
Finale Emilia

15 novembre 2014, ore 21
ingresso gratuito

a cura del Gruppo di Lavoro Beni Comuni

con:
Donatella Allegro, Nicola Bortolotti, Michele Dell’Utri, Simone Francia, Lino Guanciale, Diana Manea, Eugenio Papalia

alla fisarmonica:
Olimpia Greco

Chi è Cornelius G.?

 

Da dove vengono quei 9.000 euro in contanti che la polizia ferroviaria ritrova nella sua borsa il 22 settembre 2010, mentre viaggia sull’EuroCity 197 partito da Zurigo in direzione Monaco di Baviera?

E perché quell’ottantenne dall’aspetto così mite e un po’ impaurito che sta tornando a casa, risulta, dopo una serie di controlli, un vero e proprio fantasma per lo Stato, privo di pensione, di previdenza sociale, di assicurazione medica? Mettendoci sulle tracce di uno dei personaggi più impressionanti della cronaca degli ultimi anni, entreremo nelle pieghe di una storia personale (vera) sconvolgente, che si fonde con la Grande Storia, tedesca ed europea, degli anni precedenti il secondo conflitto mondiale, aprendo una riflessione serrata ed avvincente sull’importanza dell’arte, e della cultura in genere, come beni comuni di tutta l’umanità.